Debora: un vento fresco nel PD

29 marzo 2009 at 05:34 4 commenti

Non so se Debora Serracchiani possa essere considerata un altro degli astri nascenti del PD, un po’ come per altri versi lo è Matteo Renzi. Una cosa so, però: che ha idee chiare e sa comunicarle con lucida fermezza.
Lo si vede subito in questo suo intervento all’assemblea dei Circoli del PD in cui “ne ha una per tutti” e la dice, snocciolando una serie di cose evidenti a tutti ma che pochi finora nel PD hanno avuto il coraggio di affermare pubblicamente nei “vertici”.

Così facendo ottiene dall’assemblea una moltitudine di consensi al limite della standing ovation (qualcuno ha contato 35 interruzioni per applaudirla), davanti ad un Franceschini prima distratto e poi  sempre più concentrato sulla figura e soprattutto sulle parole di questa avvocatessa udinese che ha trentotto anni (ma non li dimostra) e non fa sconti a nessuno. Le affermazioni più applaudite: “Io in questi pochi mesi ho sentito che l’appartenenza al PD sia sentita molto di più dalla base che dai dirigenti”.  “Sulle questioni non sempre si può essere tutti d’accordo. Talvolta occorre votare e lasciare qualcuno a casa”.

Mi ha impressionato il contrasto fra la serena, vivace espressione di questa giovane che non riesce a dare del tu al Segretario e la scarsa reattività quasi imbarazzata delle facce (non so di chi fossero, presumo di qualche notabile in carriera) che circondavano Franceschini.

L’intervento mi è sembrato chiaro, lineare e molto, molto concreto. Chissà se Franceschini, al di là dei sorrisi di circostanza, ha compreso che la base vuole delle risposte nette, unitarie, non ne può più delle faide interne tra i vari “ducetti”, vuole poter continuare a credere nel progetto PD.

C’è chi scommette sul fatto che gente come Debora Serracchiani e Matteo Renzi siano il futuro del PD. Dopo averla ascoltata ed aver anche sentito l’intervista rilasciata a Daria Bignardi io invece mi chiedo: e perché non potrebbero essere il presente? Ora, da subito!

Annunci

Entry filed under: Politica e politicanti. Tags: , , .

Otto milioni e rotti Oggi

4 commenti Add your own

  • 1. settantasette  |  29 marzo 2009 alle 11:42

    Perchè non sono nulla di nuovo. Non basta una faccia simpatica se i concetti che esprimi sono fuffa intrisa di partitismo, trita e ritrita. Un’imbiancata alle pareti non basta, se l’edificio è marcio e vecchio nelle fondamenta. Futuro? Quale futuro? Il Partito Defunto è un dinosauro già estinto prima della sua stessa nascita, che è stata il primo – e insormontabile – errore. Renzi? Ne ho scritto qualcosa qui: http://settanta7duemila5.splinder.com/post/19983521

    Perdonami, Fu, ovviamente questa è solo la mia opinione, ma l’incazzo per le responsabilità di questi pagliacci che dovrebbe essere la sinistra è troppo.

    Rispondi
    • 2. Fully  |  31 marzo 2009 alle 07:03

      La fusione fredda del PD tra due anime per decenni antagoniste è certamente un peccato originale che sarà difficile superare, ma bisogna anche dargli tempo. Dovrebbero scomparire da subito tutti gli ex-qualcosa. Ecco perché mi piace la posizione di Debora, che non fa parte di una tradizione DC o PC-PDS, ma “nasce” col PD e ne è componente originale, se non altro per questa capacità di parlare senza temere di offendere qualche suscettibilità.
      Non so se durerà, questa ragazza, ma io me lo auguro.

      Rispondi
  • 3. simona_rm  |  30 marzo 2009 alle 17:17

    il PD è bravissimo nell’autocritica. Si fa e si disfa da solo, senza bisogno di aiuto. E il discorso della Serrachiani è l’ennesima autocritica.
    Mentre lei elencava le cose in cui il PD ha sbagliato e l’omissione di opposizione, la folla applaudiva e Franceschini la esortava con un “Brava, vai”……c’è qualcosa che non va in tutto questo…..lo vedo solo io?
    E’come fustigarsi col cilicio e pensare che sia un’azione realmente espiatoria. Non fanno opposizione per poi godere nel criticarsi per non averla fatta. E’perverso, una patologia genetica, perchè è così da quando sono nati. (Ricordate sempre Veltroni in campagna elettorale che non nominava Berlusconi!)

    Per me i problemi del paese, non nascono da un antagonismo giovani/vecchi, questa è una riduzione del problema a termini marginali: si può avere 80 anni ed essere modernissimi e viceversa essere giovani ma sciupati dal conformismo. (Guarda la Carfagna, guarda la Gelmini, guarda Alfano!!!!! E guarda anche Matteo Renzi, si! Un Vitellone da aperitivo in piazzetta. E’ la cosa migliore che riesco a pensare di lui, per il momento)

    No, non è questo il modo di osservare ed affrontare il problema, questo è il modus di Berlusconi, che si circonda di giovani e gnocche per creare una cornicetta pregevole ai mostri che mette nei posti strategici.

    Concordo con 77. Non me volere Fu’.
    Ti abbraccio 😉

    Rispondi
    • 4. Fully  |  31 marzo 2009 alle 06:59

      Ma certo che non te ne voglio, simo!
      Però io non so proprio più cosa pensare in politica. Un fatto mi pare certo: l’unico partito che abbia numeri capaci di opporsi al Centro-Destra è il PD. Che piaccia o no, la sinistra è solo su questo partito che può puntare. E allora? Allora occorre dargli linfa ed idee nuove, visto che le idee (o non-idee) del PD finora sono state fallimentari.
      Che piaccia o no, oggi la politica la si fa come la fa Berlusconi: con molta presenza nei media, molti annunci, molti sondaggi…. ma poi occorre avere il coraggio di assumere decisioni: l’eterno dibattito interno a spaccare il capello in quattro non paga, e la gente non ne può più.
      E’ un po’ quello che si fa ovunque, da Obama a Sarkozy. Quindi anche con la faccia, sì, da vitelloni alla Renzi o da santarelline che graffiano, alla Debora, purché ci sia un’idea chiara e la si porti avanti “anche a costo di lasciare a casa qualcuno”.
      Le persone intrinsecamente serie ma prive di appeal, di leadership (un Prodi, un Padoa-Schioppa, un Soru,…) non funzionano per acquisire consensi. Ci vogliono persone che trascinino, anche affabulando, sì. Uno che in questo ci saprebbe fare è Nichi Vendola, vedremo…
      E’ triste ma bisogna prenderne atto: oggi il consenso passa per il leader, i partiti dalla massa indistinta annaspano, boccheggiano e poi, democraticamente, sfioriscono…

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Commenti recenti

Dr.Huba Laszlo SZOCS su Ripensando a Violetta
fma su Complicità
Fully su Complicità
Fully su Complicità
cri su Complicità
Neottolemo su Complicità
susanna su Il candore
Fully su Il candore
Sonatella Ciacchi su Il candore
crimilda su Stupro d’Artista
marzo: 2009
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Quanti click?

  • 29,187 : grazie!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: