Qualcosa che va detto…

20 gennaio 2009 at 23:28 76 commenti

Trovo solo ora, a tarda sera, il tempo di tornare al mio blogghetto e ci trovo un sacco di vecchie (in senso buono!) conoscenze. Bene, benvenuti/e. Ho fatto un salto su MC ed ho letto un po’ di novità anche lì… mi pare di capire che continui la nouvelle vague, e quello che io ritenevo un “esperimento” si è consolidato, è diventato “la” linea.

Bene. Non credo di aver diritto di entrare in scelte redazionali che competono esclusivamente ai gestori del sito MC. Mi tengo le mie idee su questa “svolta”. Credo di poter capire le reazioni di alcuni, ma penso sia ora di voltare pagina e che ognuno continui serenamente, pacatamente a fare quello che vuole del proprio tempo e dei propri spazi.

Dopotutto è questa la vera libertà, no?

Prima di lasciare da parte la “questione MC” c’è però un chiarimento che mi preme fare, perché non mi sentirei onesto se lo tacessi: io non mi sento un “dissidente” né un “epurato” né un “fuoriuscito” di MC. Sono soltanto uno dei redattori che ha collaborato a quel progetto e lo ha fatto con passione (e divertendosi) per tredici mesi. Venni invitato dal Comandante Nebbia nel lontano novembre 2007 e da allora ho scritto per MC un centinaio di pezzi, in perfetta libertà e senza alcun vincolo di opinione.  Quindi mi sento di ringraziare MenteCritica e tutti i suoi collaboratori e lettori per la grande opportunità di crescita intellettuale che, grazie a loro, mi è stata offerta.

E allora cosa è successo? Per come l’ho vissuta io, non sono stato d’accordo su alcuni atteggiamenti assunti in una particolare circostanza e l’ho detto nel forum. Non so dire fino a che punto questa mia manifestazione di disaccordo c’entri col patatrac accaduto dopo, ma non sono così presuntuoso da ritenere che essa ne sia stata causa preponderante. Al momento della “separazione” ho ricevuto in privato il ringraziamento del Capo per quello che ho dato ad MC e l’ho a mia volta ringraziato per quanto mi sembra di aver ricevuto.

Come dicevo in un post precedente, tutto passa, tutto muta, e la vita va avanti, aprendoti altre strade. Questo è il mio modo di vedere la cosa, quindi non nutro alcun rancore né particolare risentimento. Solo un pizzico di nostalgia (da coredemamma, la definirebbe qualcuno) per l’interruzione di qualche rapporto personale che ho trovato particolarmente gratificante, rapporto cresciuto e maturato soprattutto nel forum della redazione (un’esperienza davvero irripetibile) ed in un incontro “reale” che ricordo con particolare piacere.

Detto questo – e ci tenevo a dirlo – ringrazio tutti quelli che vorranno continuare ad onorarmi della loro amicizia. Le mie porte saranno sempre aperte a chi cerca un dialogo o un confronto sereno su quelle piccole cose senza grande importanza su cui ogni tanto mi capita di riflettere a voce alta, qui.

Annunci

Entry filed under: Cose della vita. Tags: .

Sangue e arena Così parlò Obama

76 commenti Add your own

  • 1. Emanuele  |  21 gennaio 2009 alle 08:50

    Beh Fully, possiamo sempre fare un alvito bis tra qualche anno, alla fine ci saremmo ancora più o meno tutti 🙂

    Rispondi
  • 2. Fully  |  21 gennaio 2009 alle 09:03

    Qualche ANNO?
    Meglio prima, a primavera, per esempio. Le colline sono dolci e il vino di silent sarebbe ancora più apprezzabile.
    Anzi, sai che ti dico? stavolta l’incontro lo apriamo ai lettori/lettrici più affezionati/e. Il posto c’è… basta solo organizzarsi.

    (non mi è sfuggito il tuo “più o meno”, immagino che tu ti riferisca alla mia veneranda età che rende incerta la mia presenza fisica. Ma in tal caso sarò con voi in… spirito 🙂 )

    Rispondi
  • 3. Emanuele  |  21 gennaio 2009 alle 09:12

    nooo il più o meno è che magari non ci saremo tutti

    Rispondi
  • 4. Fully  |  21 gennaio 2009 alle 09:18

    E vabbé… se non ci saremo tutti pazienza.
    O forse, chissà, ci saremo tutti e anche qualcuno in più.
    Io sono ottimista.

    Rispondi
  • 5. Sara  |  21 gennaio 2009 alle 13:40

    Se mi invitate io vengo!!! So fare il risotto con le salamelle mantovane!!! Tra le altre cose… Che bello ragazzi anch’io ho qualcosa che va detto…
    Se mc non avesse chiuso così noi magari non ci saremmo avvicinati di più, magari è solo questione di coincidenze, però è proprio incredibile quanto comunichiamo meglio, è una cosa diversa no?

    Rispondi
  • 6. Fully  |  21 gennaio 2009 alle 14:09

    @Sara
    mi pareva di averti già invitata, non si era capito?
    ma ora che ti proponi anche come risottara il mio non è più un invito, è una supplica 🙂

    Rispondi
  • 7. Sara  |  21 gennaio 2009 alle 14:22

    Si era capito, però non volevo sembrare troppo troppo sfacciata!
    Ahahah!!! :mrgreen:

    Rispondi
  • 8. simona_rm  |  21 gennaio 2009 alle 14:27

    Ero dispaciuta per la chiusura improvvisa ed apparentemente immotivata di MC.
    Ma la nuova gestione – bambinesca e cafona- non ha più nulla da offrire alla mia curiosità. Soprattutto, mi è stata funzionale: mi ha fatto elaborare velocemente il lutto.
    Non mi addolora questa perdita, anche grazie a Sara con cui, parlando a tu per tu, ho capito che la nostra vita è un’altra cosa e le perdite che dobbiamo temere sono altre. (Sar@: un pozzo di saggezza in soli ventanni! Ma come fa? Io, a ventanni ero un’ameba…)

    Sono contenta di ciò che ho avuto da MC.
    Ci sono state molte cose buone, credo di essermele prese tutte.
    Sono grata a chi ha voluto offrirle condividendole.
    Ora le strade si dividono: e PACE.

    Rispondi
  • 9. Sara  |  21 gennaio 2009 alle 17:07

    Simo me fai arrossì! La vita è n’altra cosa proprio, infatti mò me so accorta che c’ho più tempo libbero, che sto de meno davanti arr picci e che me diverto ‘n mondo con voiartri! E che tutto quel che non me piace qui su internet me fa ride! E siccome la vita è n’altra cosa, mo devo andà a studià, che non credo che ai proffe interessino le mie navigazioni su internette! Glie devo spiegà li farmaci, li devo sapè!

    Rispondi
  • 10. Fully  |  21 gennaio 2009 alle 17:13

    A simo’, sta pischella vorebbbe parlà romanesco, ma – resta fra nnoi – fà ‘n po’ pena.
    Je servirebbono ‘n po’ de lezzioni… ‘n po’ tante però…
    che dichi? volemo provacce a ‘mparàje la lingua de trilussa?
    poi ce famo pagà a forza de risotti.
    :mrgreen:

    …le strade si dividono e PACE.

    cara simona, trovo il tuo un atteggiamento maturo

    Rispondi
  • 11. Saint-Savin  |  21 gennaio 2009 alle 21:08

    Vecchio Fù, un consiglio: l’indirizzo e-mail ti conviene scriverlo diversamente, mettendo [at] oppure [chiocciolina], o qualunque altra cosa al posto di ‘@’: ci sono programmi che leggono automaticamente gli indirizzi scritti sulle pagine web e li riempiono di spam. O è un modo per collezionare offerte interessanti riguardo a certi articoli? 🙂

    Rispondi
  • 12. Fully  |  21 gennaio 2009 alle 22:04

    @Saint.
    Benvenuto qui. (a proposito, ma come hai fatto a trovarmi?)
    e grazie per il suggerimento che, come potrai verificare, ho prontamente recepito.

    Rispondi
  • 13. lameduck  |  21 gennaio 2009 alle 23:40

    Caro Fully, hai dimenticato una cosa importante. Nel donare i nostri pezzi a MC, non pensi che siamo stati NOI a farla crescere e non viceversa? Per questo ci sentiamo dei kleenex usati e gettati nel water. Ecco, penso sia una questione di irriconoscenza. Per il resto non so cosa sia accaduto e quindi non posso pronunciarmi. Posso solo fare delle ipotesi.
    Un saluto, Lameduck

    Rispondi
  • 14. Fully  |  22 gennaio 2009 alle 07:18

    @lameduck
    mi fai una domanda da 1.000.000 $, di quelle alla “è nato prima l’uovo o la gallina”?
    Provo a rispondere per quella che è stata la MIA esperienza personale in MC.
    Prima di essere “reclutato” avevo da un paio d’anni un blog come questo, dove lasciavo pensieri sparsi, tranci di poesie rubacchiate, riflessioni serie e meno serie, video youtube musicali, ecc. ecc. Non ero (né aspiravo ad essere) una “blogstar”, non sapevo neanche cosa fosse un “aggregatore” (per la verità non sono sicuro di saperlo ancora adesso)…
    Con MC mi sono sentito parte di un progetto più ambizioso: no, non “salvare l’Italia” (a quello già ci pensa Uolter), ma provare a dare una mano a risvegliare un po’ di coscienza civile.
    I pezzi che ho scritto per MC non li avrei sicuramente scritti se fossi rimasto al mio blogghino: sono stati frutto di uno stimolo continuo venuto dai compagni d’avventura, il Capo in primis, ma non solo. Se avrai voglia di rileggerne qualcuno potrai scoprirci questo tentativo, quello di fornire dubbi più che risposte, proprio per stimolare un dibattito funzionale ad una crescita intellettuale e civile di chi legge, ma anche di chi scrive. Un tentativo fatto a modo mio, certo, con la mia capacità di comunicare che – ahimé, ne sono consapevole – non è neanche lontanamente paragonabile a quella delle migliori, straordinarie “penne” di MC, fra le quali ti annovero.
    E’ stato per me un progetto ambizioso, nel quale ho creduto fino all’ultimo e che auguro a MC di portare avanti anche d’ora in poi.
    Aldilà del modo un po’ brusco (o dovrei dire “brutale”?) di cambiare rotta, nel bilancio complessivo non credo di essere né in credito, né in debito. Mi sono impegnato per una causa che sapeva di buono, mi sono divertito, ho conosciuto qualche bella persona…
    Io credo che il tempo che ho speso per MC non sia andato sprecato: questo per me è l’importante, e per me va bene così.
    Un caro saluto 🙂

    Rispondi
  • 15. Lameduck  |  22 gennaio 2009 alle 10:54

    E’ quel discorso del “capo” che a me ha sempre lasciato perplessa. E magari quel dirti, sai, a te ti leggono in troppi preferiamo pubblicare quelli che scrivono per la prima volta. Benissimo, però mi viene da dire: quando c’era bisogno di partire non siete partiti con i principianti ma con le migliori penne e ora le migliori penne le cacciate via? Ecchecca’…
    Purtroppo conosco quel modo di fare e non mi piace. Ti usano fintanto che hanno bisogno, poi manco ti conoscono e ti chiedono pure cosa rompi ancora.
    E’ il lato umano del progetto che ha deluso.

    Rispondi
  • 16. chiaradinotte  |  22 gennaio 2009 alle 11:13

    Caro Fully, io sono stata forse fra le ultime a partecipare al “progetto ambizioso” quindi non posso ne’ sapere ne’ giudicare cio’ che accadeva prima, pero’ posso dirti che la mia partecipazione a MC, se non per qualche visita in piu’ nel mio blog, non ha accresciuto un bel niente e non ha modificato il mio modo di pormi. Con o senza MC la mia vita sarebbe continuata (ed e’ continuata) alla stessa maniera. L’unica cosa che e’ avvenuta (ma credo che nella blogsfera sarebbe prima o poi accaduta ugualmente, e’ che ho conosciuto alcune belle persone. Guarda caso sono quelle che per un motivo o per l’altro adesso sono fuori da MC.
    Ma non mi compete giudicare la questione dal punto di vista di chi ha dato di piu’ o di meno . Cio’ che io ribadisco e’ che l’educazione impone, quando un ospite non e’ piu’ gradito, che il padrone di casa lo dica nel modo piu’ cortese possibile, se quell’ospite non si e’ mai comportato da maleducato. Invece io ho visto solo calci nel culo e una ricerca della rissa ad ogni costo.
    Ecco, ho visto questo: hanno cercato la rissa premeditatamente, in modo che chi a loro stava sulle palle reagisse, cosi’ da poterlo bannare. Ho visto un atteggiamento strafottente e maleducato che non ha eguali. E posso assicurarti che di luoghi virtuali ne ho frequentati alcuni.
    Purtroppo, essendo una donna “all’antica” e non un personaggio tarantiniano, all’educazione ed al rispetto ci tengo.

    Rispondi
  • 17. Monica  |  22 gennaio 2009 alle 14:01

    @Fully
    @Lameduck
    @Cruman
    @tutti gli altri

    Perché non vi riaggregate da qualche parte?
    Magari con trasparenza di metodi e di scelte editoriali?

    Va bhe, l’ho buttata lì …

    Rispondi
  • 18. Francesca  |  22 gennaio 2009 alle 14:50

    Ciao Fully, ciao a tutti,
    io non ci ho capito molto a parte il fatto che MC voleva cambiare e l’ha fatto.
    Capisco anche le delusioni per i lettori (in parte anch’io lo sono) e soprattutto per chi ha pubblicato articoli rendendo il sito migliore e certamente più ricco.
    Posso solo dire che mi dispiace, avevo smesso di seguire per qualche mese per problemi tecnologici ed ora questo.
    Mi sono sempre trovata bene in MC ma personalmente non mi sento di giudicare le decisioni dei proprietari.
    Continuerò a leggerlo anche se, senza di voi, non credo sarà uguale…

    Rispondi
  • 19. Iniquo  |  22 gennaio 2009 alle 16:03

    Pensavo che l’avessero solo fatta fuori dalla tazza, ma leggendo che hanno censurato e tagliato ad hoc dei commenti… beh, che pena.

    La fortuna di MC l’hanno fatta le penne più volte citate, ulteriore apporto è stato portato dai commentatori.
    Non avete nessun motivo per ringraziare il gestore, lui ci ha messo solo i soldi e qualche stratagemma per far salire il sito nel ranking.
    Gli converrebbe cancellare gli ultimi post e trovare qualche gruppo politico che si compri il pacchetto, ormai lì ci andranno solo quelli che si limitano a scrivere “me ne frego” e “sei un intellettuale!”.

    Incidentalmente chiarisco il mio pensiero – dato che hanno chiuso i commenti – che espressi lì criticando l’ossimoro “critica leale” speso per grattare dietro le orecchie i due o tre fedeli.
    La critica è di per sé un’operazione obiettiva e corretta, altrimenti si chiamerebbe propaganda; in più essa ha un significato sostanziale.
    La lealtà attiene al metodo e presuppone un’adesione a dei principii od una fedeltà che sono estranee all’uso autonomo del cervello, la correttezza tirata in ballo da alcuni è già inclusa nella definizione di critica.
    Si può aggiungere che di solito questo tipo di accostamento di aggettivi a sostantivi che non ne avrebbero bisogno è fatto con il fine di distorcerne il significato, come ad esempio: la vera libertà, “una donna vera” (parole del padrone del vapore), fino ad arrivare addirittura all’uso di termini come la vera verità.

    Me ne ero già andato quando avevo visto prevalere lo sprezzo per chiunque nascosto dietro alla parola “satira”, infatti con essa in realtà si attaccano i potenti ed in caso contrario si è di fronte ad un bel cucchiaio di olio di ricino.

    Rispondi
  • 20. Saint-Savin  |  22 gennaio 2009 alle 18:26

    Va beh Iniquo, dai, in fondo non credo sia così importante se è un ossimoro o no. Tu dai per scontata l’onestà intellettuale all’interno del processo critico inteso nel suo senso più puro, loro precisavano di voler adottare quel tipo di atteggiamento concependo ‘critica’ come una parola neutra e l’attività che denota come un’attività non costituzionalmente indenne dal declinarsi scorrettamente. Io sinceramente non credo proprio che fossero in malafede. Li puoi accusare di aver sbagliato i modi nel risponderti, e magari, continuando a sostenere il significato che tu dai della parola critica, di aver usato un’espressione inutilmente ridondante, ma di malafede non credo proprio. E nemmeno di non aver espresso bene il concetto, perchè io, e molti altri, abbiamo letto solo una specie di sinonimo di ‘onestà intellettuale’. Se poi la applicheranno o no questo sarà da giudicare dopo.

    Rispondi
  • 21. Fully  |  23 gennaio 2009 alle 08:06

    @Francesca
    @Iniquo
    Benvenuti qui, un attimo solo che aggiungo un po’ di sedie e qualche pasticcino 😉

    @Chiara
    Capisco la tua delusione e il tuo dispetto per come ti sei sentita trattata. Posso solo dire che spero non ci sia stata premeditazione, ma che l’esito sia stato determinato solo da un momentaneo, transitorio “aumento di temperatura”. Di più non saprei dire.

    @Monica
    Riaggregarsi da qualche parte? Mah… io non saprei neanche da che parte cominciare 🙂
    E poi non credo che la cosa interessi cruman e lameduck: mi pare che l’esperienza con MC li abbia resi diffidenti verso questo tipo di progetti. Ma, come si dice… “mai dire mai”

    Rispondi
  • 22. zippole  |  24 gennaio 2009 alle 15:36

    Ciao, ho scoperto appena ora che hai un blog 😀

    Sul tema, volevo far notare questa nota della redazione che risale addirittura al 1/1/2008

    MenteCritica è, ormai, un punto di riferimento nella rete. Questo vuol dire che non possiamo continuare a fare gli intellettuali scassapalle pubblicando articoli sulla poetica di Pascoli, sulla relatività ristretta, pezzi di dubbia letteratura e discussioni sulla Fede con decine e decine di commenti.
    Ormai abbiamo delle responsabilità precise e dobbiamo soddisfare tutte le aspettative dei nostri fedeli abbonati.
    Siccome, aldilà delle pose e delle apparenze anche nel lettore di MC, pur intellettuale e politicamente impegnato, magari sepolta in un angolo recondito, alberga una servetta, abbiamo convocato un noto astrologo e fatto redigere le previsioni per il 2008…..

    http://www.mentecritica.net/le-previsioni-di-mc-per-il-2008-libera-la-servetta-che-ce-in-te-e-leggi-senza-vergogna/mente-critica/morpheus/2528/

    La dichiarazione di intenti c’era già tutta un anno fa

    Rispondi
  • 23. luciano bubbola  |  24 gennaio 2009 alle 16:00

    Essere stato ‘bannato’ da MC per aver criticato la loro linea ‘leggera’ e superficiale nei terribili giorni di Gaza (loro erano, in quel periodo, solo impegnati nel disquisire sul sostizio d’inverno!) è ora per me una piccola nemesi e una grande riconferma del giudizio a loro espresso: sono e rimangono dei ‘fancazzisti’ sotto vuoto spinto…
    Alcuni creano blog per narcisismo e/o per egocentrismo: ne ho avuto la prova diretta con MC e il loro escludermi è un mio piccolo vanto.
    Saluti
    Luciano Bubbola (bannato e molto felice)

    Rispondi
  • 24. Fully  |  24 gennaio 2009 alle 17:08

    @zippole
    ciao e benvenuta qui.
    beh, quella dichiarazione programmatica era solo uno scherzo 😉

    @luciano bubbola
    benvenuto. Ti do una notizia: TUTTI creiamo blog per narcisismo e/o egocentrismo. Bannare ed essere bannati non credo possa davvero essere un vanto per nessuno: chi si affaccia alla rete lo fa per scambiare opinioni, se questo viene precluso è comunque una sconfitta

    Rispondi
  • 25. luciano bubbola  |  24 gennaio 2009 alle 17:26

    Beh… nel Tuo caso ho notato poco narcisismo e molto realismo, perché tenti di dare spazio a tutti e alle idee degli altri.
    E questo non è un atto di adulazione e/o una semplice mia ‘captatio benevolentiae’ nei Tuoi confronti.
    Grazie e ciao:-)
    Luciano Bubbola

    Rispondi
  • 26. zippole  |  25 gennaio 2009 alle 16:00

    ehm.. sono un maschio :mrgreen:

    Rispondi
  • 27. chiaradinotte  |  25 gennaio 2009 alle 18:25

    essere bannati non credo possa davvero essere un vanto per nessuno

    Dipende da chi ci banna.

    Semplicemente, quando mi accorgo che dall’altra parte c’e’ un bimbetto che si atteggia a superuomo che si diverte a buffoneggiare mostrando scarso rispetto per chi gli ha concesso attenzione, allora e’ facile che il mio atteggiamento si trasformi in modo tale che l’antipatia che sprigiono porti al ban anche prima della mia scelta di andarmene.
    Costringere certi esseri a bannarti diviene quasi un motivo di vanto.

    Rispondi
  • 28. Fully  |  25 gennaio 2009 alle 20:42

    @zippole.
    sei maschio?
    di questi tempi?
    condoglianze
    :mrgreen:

    @chiara
    vedi, quando c’è qualcuno che limita la mia libertà, o quando mi capita di limitare la libertà di altri, io avverto sempre un senso di sconfitta. Ma comprendo la tua posizione, e la rispetto.

    Rispondi
  • 29. chiaradinotte  |  25 gennaio 2009 alle 21:56

    @Fully: non si puo’ essere responsabili dell’idiozia altrui.

    Rispondi
  • 30. simona_rm  |  25 gennaio 2009 alle 22:05

    @ Francesca

    visto solo ora il tuo commento, mi era sfuggito.

    Per quello che ho letto un po’ in giro, i lettori di MC non hanno giudicato la decisone di sfollare la piazza ma piuttosto il modo. Non credo che servissero le molotov tra persone adulte. Bastava dirlo.

    Rispondi
  • 31. chiaradinotte  |  25 gennaio 2009 alle 22:13

    @ Simona: e’ proprio il punto focale di tutta quanta la faccenda. Soprattutto il creare nick nuovi e mascherati per non farsi riconoscere e sputare addosso a gente che fino a quel momento si era sempre comportata con correttezza, denota, oltre che immaturita’ , anche una palese vigliaccheria.
    Ma quella gente e’ talmente cafona che non puo’ rendersene conto.

    Rispondi
  • 32. Angelika  |  30 gennaio 2009 alle 14:16

    Caro Fully,
    sono diversi mesi che non mi dedicavo più a MC per svariati motivi che non sto qui a raccontarti, poi torno e trovo l’inimmaginabile. Ho avuto la netta sensazione di vivere il famoso film “l’invasione degli ultracorpi”! Chi ha scambiato il CN, sempre equilibrato, rude ma gentile, con quel/quella tipaccia?Scusami se approfitto del tuo blog per parlare di questo, ma ci sono arrivata tramite un altro blog il cui proprietario stimo molto. E vedo che la discussione ha preso piede. Tu mi chiederai:”embè, e perché non vai a chiedere a loro cosa è successo?”
    Ti rispondo (me la canto e ballo da sola, come vedi): perché li ho trovati così mutati che da subito non mi è sembrato che ne valesse la pena. Insomma, le migliori penne di MC bannate addirittura? Comunque, se il tuo blog diventa un luogo dove continuare a chiacchierare con persone interessanti, cercherò di non mancare! (e anche se non lo diventa: ti ho messo tra i pref.)

    Angelika

    Rispondi
  • 33. Fully  |  30 gennaio 2009 alle 20:10

    @Angelika
    Grazie per essere qui e per dimostrarmi apprezzamento ed amicizia.
    Sui fatti di MC ho scritto già tutto quello che ritenevo giusto scrivere. Sul resto – mi scuserai – preferisco mantenere il riserbo. Spero che capirai.
    Il mio blog è sempre aperto a tutte le persone che vogliano discutere civilmente sugli argomenti che propongo. Spero che lo troverai interessante, anche se non ha grandi pretese.
    Un caro saluto

    Rispondi
  • 34. simona_rm  |  30 gennaio 2009 alle 23:05

    @Angelika
    CIAO 😀

    Rispondi
  • 35. Marcoilbuono  |  1 febbraio 2009 alle 19:37

    lurk, lurk, lurk…

    Rispondi
  • 36. Angelika  |  2 febbraio 2009 alle 08:16

    Ciao Simona!

    A presto?!

    Rispondi
  • 37. simona_rm  |  2 febbraio 2009 alle 08:20

    @marcoilbuono

    boing, boing, boing,

    Rispondi
    • 38. Fully  |  2 febbraio 2009 alle 09:57

      ciao marco… benvenuto!

      Rispondi
  • 39. Marcoilbuono  |  2 febbraio 2009 alle 12:05

    grazie.

    Rispondi
  • 40. Francesca  |  2 febbraio 2009 alle 15:37

    Ciao Simo, come va’?
    sì, il modo è stato brutale e sinceramente, dato che sono mancata per un pò, non so se alla base ci siano motivazioni di cui non sono a conoscenza e per questo non voglio esprimermi.
    Io non so’ chi ci sia dietro i nick in questo momento.
    So’ solo che mi dispiace perchè si era creata una bella atmosfera, forse un pò da “salotto”, non so’ può essere, ma in fondo cosa c’è di male?!E’ questo fondamentalmente che non ho capito. Ti mando un bacio, ciao.

    Rispondi
  • 41. Sara  |  2 febbraio 2009 alle 18:38

    Ma questo è proprio il ritrovo ufficiale!
    Ciao Angelika ciao Marcoilbuono e ciao Francesca!!!
    (e grazie Fully!)

    Rispondi
  • 42. Sara  |  2 febbraio 2009 alle 18:40

    Aiuto! E’ cambiato tutto intanto che scrivevo il commento!
    Anch’io sono passata per questo template, w wordpress.com e i suoi template immodificabili che hanno sempre almeno una cosa che non va! :mrgreen:

    Rispondi
  • 43. Fully  |  2 febbraio 2009 alle 18:48

    @Sara
    Eheheh….
    Prove tecniche di un imbranato
    :mrgreen:

    Rispondi
  • 44. Sara  |  2 febbraio 2009 alle 21:32

    Ma che imbranato! Hai anche cambiato la figurina di fianco all’url! E c’è anche l’opzione “read the rest of this entry” …E poi sperimentare è d’obbligo quando non si può fare neanche una modifica al template! :mrgreeb:

    Rispondi
  • 45. Salazar  |  3 febbraio 2009 alle 05:12

    @Francesca
    Infatti non c’é niente di male nel socializzare, anzi, molto male sarebbe se non succedesse.
    Per risolvere il problema del “salotto”, se c’era, bastava farne uno: un luogo adibito al cazzeggio, un topic fisso, da qualche parte, dove chi voleva poteva andare – appunto – a cazzeggiare.
    Così i topic seri sarebbero rimasti puri e immuni da chiacchiere salottiere.

    Rispondi
  • 46. chiaradinotte  |  3 febbraio 2009 alle 11:33

    Bella il nuovo template, anche se lo trovo un po’ spostato a sinistra dello schermo.

    Comunque:

    @ Salazar

    Per risolvere il problema del “salotto”, se c’era, bastava farne uno: un luogo adibito al cazzeggio, un topic fisso, da qualche parte, dove chi voleva poteva andare – appunto – a cazzeggiare.
    Così i topic seri sarebbero rimasti puri e immuni da chiacchiere salottiere.

    Mi sa che le ragioni di fondo non erano quelle del “salotto”, ma altre. Molto piu’ meschine.

    Rispondi
  • 47. Marcoilbuono  |  3 febbraio 2009 alle 15:27

    tipo?

    Rispondi
  • 48. chiaradinotte  |  3 febbraio 2009 alle 15:40

    Tipo quelle che spingono la gente a truccare i contatori.

    E’ un atteggiamento in fondo abbastanza diffuso in internet e tu sei abbastanza intelligente da capirle da solo.

    Rispondi
  • 49. Francesca  |  3 febbraio 2009 alle 15:41

    @ Salazar
    Non so’ che dire, davvero.
    Ci sono certamente cose di cui non sono a conoscenza per poter valutare ciò che è accaduto.
    In tutti i casi alla fine la questione è che ognuno con il proprio blog fa’ un pò quello che gli pare e la loro/sua scelta è stata quella di tagliare i ponti col passato.
    Il metodo non è stato dei migliori ma nella vita c’è di peggio.
    Il libero arbitrio di ognuno deciderà il resto.
    Potremmo parlarne per giorni e per mesi ma non sapremo mai la verità se non ce la dice l’interessato/i.

    Rispondi
  • 50. Francesca  |  3 febbraio 2009 alle 15:43

    @ Fully
    ‘mazza Fully, ‘sto colore è un pochino troppo scuro, no?!
    Io adoro tutto ciò che scuro :mrgreen: ma questo me sta a acceca! 🙂

    Rispondi
  • 51. Salazar  |  3 febbraio 2009 alle 18:46

    @Chiara
    Visto che le ostracizzate sono quasi tutte donne potrebbe essere la sana vecchia invidia della vagina.
    Ostracizzate!? Sarà la traduzione di bannate? Sembra più qualcosa da vinello bianco.

    @Fully
    A me piace. Dovresti metterci una cravatta a righe vivaci. Ops, scusate, sto facendo salotto.

    Rispondi
  • 52. chiaradinotte  |  3 febbraio 2009 alle 20:52

    @ Salazar:

    Non vorrei che il padrone di casa, che ci tollera maanche non se la sente di sbilanciarsi troppo, si annoi di questa discussione e ci intimi di piantarla ma il tutto va osservato in base ad un quadro piu’ ampio, tenendo conto anche di cio’ che era avvenuto qualche giorno prima, di alcune figure cacine fatte riguardo a certi post, e di una impercettibile perdita di prestigio dovuta forse ad interventi miei e di Lame.
    Ad esempio, due frasi mi sono rimaste impresse il giorno del ban; una rivolta a Lame ed una a me.
    A lei si diceva pressappoco: “Tu sei una che prende in giro tutti” ed a me “Tu sei una che sa tutto”.
    Erano frasi in cui ho percepito astio e rancore per qualcosa di non digerito.
    Forse perche ebbi da ridire su Lexi Amberson, nonostante il Comandante dimostrasse per lei una grande ammirazione.

    A proposito di Lexi, ma tu sai spiegarmi come fa una ventenne o poco piu’, californiana, a conoscere a menadito tutto cio’ che avviene in Italia vivendo a 9 fusi orari dall’Italia, a collegarsi per scrivere i post a ore prettamente “italiane”, a conoscere un film tedesco del 1940 che neanche chi e’ tedesca e della giusta generazione si ricorda e, soprattutto… com’e’ che scrive ogni suo post col la tastiera italiana?

    Vabbe’, era una digressione da salotto. 😀

    Rispondi
  • 53. Sara  |  3 febbraio 2009 alle 21:16

    @ Chiara: vabbè ormai un pò si è capito un pò fa lostesso! Per Lexi…Ma quanto sei osservatrice! Infatti è Filippo Facci no? Ho capito male?

    Rispondi
  • 54. Fully  |  3 febbraio 2009 alle 22:38

    Il padrone di casa (come mi chiama Chiara) non si annoia, non caccerà alcuno/a. E’ anzi lusingato che abbiate trovato confortevole questo luogo per un po’ di chiacchiere salotterie (che – fra parentesi – lui adora).
    Ma non si sbilancerà affatto sulla vicenda MC (nonostante la velata sollecitazione in tal senso 🙂 ) perché, come ha già detto, per lui la questione MC è chiusa.
    Detto questo, mie care signore, vi auguro buona conversazione.
    :mrgreen:

    Rispondi
  • 55. simona_rm  |  3 febbraio 2009 alle 23:24

    @Fra
    Ciao cara 🙂
    Un bacio anche da me a te (questo è puro salottismo! :mrgreen: )

    @fully
    tu non ci caccerai perchè sei troppo pigro per farlo!
    Ti sei anche vestito da sera per riceverci, considerando che somigli a sean connery, sembra di essere in casa di James Bond! 😀
    Posso avere un Martini?
    (è abbastanza Bond, un Martini?)

    Rispondi
  • 56. chiaradinotte  |  3 febbraio 2009 alle 23:38

    Ma quanto sei osservatrice!

    Cara amica virtuale, a forza di frequentare questo posto si affinano sensi e percezioni che non si pensava di avere.
    Pero’ l’osservare e l’ascoltare (che qui si traduce nel leggere) sono sempre state prerogativa delle professioni che ho fatto.

    Rispondi
  • 57. Salazar  |  3 febbraio 2009 alle 23:53

    @Chiara
    Ha ragione Sara, si é capito, non si é capito, a qualcuno non piace farsi rubare la scena, in più da donne, e ormai é passato da molto “lo di’ c’han detto ai dolci amici addio”.

    Lexi invece mi va, non quella della foto nel blog di Lameduck, la biondina, la giovane ricercatrice di fisica meccanica specializzata nella compenetrazione dei solidi, ma la Lexi quella del blog.
    Ne abbiamo già parlato mesi fa (ricordi?), io non la conoscevo, tu mi hai spiegato a grandi linee la cosa e dato il link.
    La mia impressione al primo impatto é stata: uomo, fra i trenta e quaranta, educazione formale buona, grammatica molto rigorosa, il suo lavoro ha a che fare con lo scrivere, abita in Italia. Contento di averci azzeccato: é questo tale Facci, insomma.
    Ma io che vivo a 7,5 gradi sud dall’equatore non ho idea di chi piffero sia questo Filippo Facci. Forse, di lui, la mia impressione al primo impatto sarà: donna, 19 anni, unghie laccate di blu, feliceemnte portata per il sesso….

    Rispondi
  • 58. Fully  |  3 febbraio 2009 alle 23:57

    @Simona
    Martini? Oh yes, my darling
    Vodka Martini, per la precisione:
    e, naturalmente, mescolato non agitato :mrgreen:

    @Chiara
    E’ proprio vero: grande osservatrice!
    hai rilevato su Lexi Amberson dei dettagli che mi erano finora sfuggiti.

    @salazar
    c’è un che di perverso nelle tue disquisizioni.
    perverso o diabolico… ancora non saprei definirlo
    🙂

    Rispondi
  • 59. Salazar  |  4 febbraio 2009 alle 00:07

    Tutt’e due, Fully, tutt’e due!

    Rispondi
  • 60. chiaradinotte  |  4 febbraio 2009 alle 00:24

    La mia impressione al primo impatto é stata: uomo, fra i trenta e quaranta, educazione formale buona, grammatica molto rigorosa, il suo lavoro ha a che fare con lo scrivere, abita in Italia. Contento di averci azzeccato: é questo tale Facci, insomma.
    Ma io che vivo a 7,5 gradi sud dall’equatore non ho idea di chi piffero sia questo Filippo Facci. Forse, di lui, la mia impressione al primo impatto sarà: donna, 19 anni, unghie laccate di blu, feliceemnte portata per il sesso….

    Interessante il profilo di Lexi che hai fatto. Io pero’ le darei qualche anno in piu’ a causa del film tedesco del 1940.
    Pero’, adesso, mi hai fatto venire voglia di sentire cio’ che pensi di me. Peccato solo che eviterai di esporti. 😀
    Per Filippo Facci basta che chiedi a Google.

    Rispondi
  • 61. Sara  |  4 febbraio 2009 alle 00:59

    @ Fully: grazie caro padrone di casa che ci ospiti e ospiti le nostre conversazioni (che anch’io adoro). Ah, posso associarmi al martini? Non mi piace, ma dato che è virtuale… 🙂 poi così non ti scomodi a fare due giri per prendere due bevande!!! :mrgreen:
    @ Chiara: si vede che è una cosa che va al di là di internette!
    @ Francesca: ciao!!!!

    Rispondi
  • 62. Salazar  |  4 febbraio 2009 alle 01:07

    Il primo momento ho pensato che ”Chiara di notte – Klàra” fosse una gestalt.
    Non so bene perché, penso una sensazione spinta da qualche salto nelle tue risposte nel blog, qualche attesa, come per prendere tempo in attesa del leader, e anche qualche salto nel modo di scrivere, non la grammatica, ma il livello di animazione, di intensità.
    Adesso… adesso mi avvalgo del quinto emendamento, come nei telefilm americani, e comunque non sopporto quando definisci “italico” qualsiasi oggetto inanimato.
    Quanto terribile sarà la replica?

    PS: il film tedesco degli anni quaranta lo puoi anche trovare per caso da qualche parte, te lo ricordi, e lo infili dentro al discorso quando arriva l’occasione.
    O meglio, crei l’occasione, lo infili dentro e fai il figo.

    Rispondi
  • 63. chiaradinotte  |  4 febbraio 2009 alle 02:20

    @ salazar. Ho dovuto leggere Wikipedia per capire a cosa ti riferissi con “gestalt”.
    Adesso ti avvali del V emendamento, ma spero che almeno l’idea che io non sia sempre la stessa persoma ti sia andata via.
    “Italico”, in effetti, e’ un termine che uso spesso e se vuoi ti dico perche’: quando giunsi in Italia era mia abitudine dire “italiano”, ma la promuncia a quei tempi, mannaggia, era alquanto scadente e mi veniva fuori “itali-ano”. Scandivo troppo le sillabe e ponevo un po’ troppo l’accento su “ano”; comprendi?
    Poi quando mi spiegarono il significato di “ano” ritenni che qualcuno poteva sentirsi offeso e ripiegai su “italico”. E da allora non me ne sono piu’ liberata.
    Soprattutto ho scoperto quanto era divertente la reazione di chi si sentiva appellare cosi’ :mrgreen:

    Per il film tedesco forse hai ragione ma sotto sotto ho ancora dei dubbi e sai perche’ li ho? Perche quando scrissi udei commenti a Fil… eehm.. Lexi, in cui esponevo i miei dubbi, sia sulla sua conoscenza del cinema tedesco d’anteguerra, sia sulla sua tastiera… i miei commenti vennero cestinati. Non li pubblico’.
    Poteva rispondermi qualsiasi cosa, anche logica, ma scelse di cassarli.
    Personalmente io questa la chiamo “coda di paglia”. Tu?

    @ Sara: Pinguina, ho ricevuto la tua mail. Adesso vado a dormire che’ e’ tardi e domani, con calma, ti rispondo. Ok? Buona notte. 🙂

    Rispondi
  • 64. Sara  |  4 febbraio 2009 alle 07:56

    @ Chiara: ok! …che sonno…Vado al lavoro! Ciao!
    Ah, buongiorno a tutti!!! Voglio dormire…

    Rispondi
  • 65. Marcoilbuono  |  4 febbraio 2009 alle 15:52

    Ringrazio per i complimenti ma sui contatori e sull’invidia della vagina, siete fuori strada, questo lo so di certo.
    Credo invece che filippo facci non sia lexi, gli piacerebbe al facci, ma lei è molto piu di lui, su questo però non ho certezze, e di sicuro me ne fotto alla grandissima.
    @Francesca, ognuno fa del proprio blog quel che vuole , ma quello era il nostro blog, il discorso a mio modo di vedere è un po diverso, diciamo che mi dispiace che i rimasti non abbiano ricominciato da zero, io nel mio piccino, ero un fondatore, e non ti racconto quante volte mi hanno rivolto complimenti e frasi dolci, per le quali comunque e sempre ringrazierò.
    Vivo fra sentimenti combattuti, immensa riconoscenza e profonda delusione.
    Mi complimento con Fully, mille volte l’ho “combattuto”, mille volte abbiamo avuto da “ridirci”, siamo agli antipodi, ma la sua eleganza e signorilità non è mai stata messa in discussione.
    Tant’è vero che a lui è arrivata una letterina a me solo calci in culo, ma per fortuna sono abituato.

    Rispondi
  • 66. chiaradinotte  |  4 febbraio 2009 alle 20:12

    Credo invece che filippo facci non sia lexi, gli piacerebbe al facci, ma lei è molto piu di lui

    Si’ infatti. Credo anche io che lei sia molto piu’ di lui. Infatti scrive molte piu’ cazzate. Oppure quando si mette la parrucca (come altri che impugnano la katana, la sua personalita’ si libera e, senza freni inibitori, entra in orbita. Ma questo e’ un mio giudizio personale che fa tanto “salotto”.

    Comunque “la biondina”, che fino a poco tempo fa aveva nel suo blog il widget di Live Traffic Feed (che ho anche io) che mostrava gli accessi segnando l’ora e la provenienza (un metodo utile per rilevare alcune info su chi scrive e commenta) accorgendosi di essersi data la zappa sui piedini, lo ha rimosso (ma quante cose avra’ da nascondere, mi domando).
    Questo, insieme alla tastiera italiana, agli orari strani, ed al fatto che non pubblichi commenti, anche educati, in cui le vengono fatte domande sulla sua conoscenza cinefila tedesca anteguerra, offre troppi spunti “pettegoli” che, si sa, in ogni salotto sono un po’ la materia prima del discutere.

    Per quanto riguarda l’altro blog, quello dei contatori truccati, per intendersi, c’e’ da chiedrsi perche’, invece di affidare il conteggio degli accessi ad uno script anonimo, non venga inserito un widget “terzo”, come ad esempio Freestats o Histats che non lascerebbe modo di ipotizzare illazioni. Ah gia’, la risposta a questa domanda e’ che in effetti dovremmo fottercene alla grandissima.
    Comunque, l’invidia della vagina e’ ovviamente un’estremizzazione un po’ scherzosa, ma il fatto che tu sia CERTO che un poco poco d’indispettimento e un po’ d’isterico, quasi femmineo, disappunto non ci sia stato, mi lascia pensare che non conosci un gran che di certe personalita le quali, per chi ha una minima base di psicologia ed usa il web come campo di prova da diversi (molti) anni, sono come dei libri aperti.
    E dato che non ci conosciamo, tutto potrebbe essere possibile, finanche che io sia Susan Blackmore e tu il comandante Nebbia.

    Rispondi
  • 67. Salazar  |  4 febbraio 2009 alle 21:44

    @Chiara
    Ho chiesto di Facci a Google. Se devo rifare il gioco della prima impressione credo – quasi quasi – di poter dire che é lui.
    Ma, visto il tipo, é più probabile che sia Lexi a scrivere per Faccio e non viceversa.

    Rispondi
  • 68. Fully  |  5 febbraio 2009 alle 06:41

    @chiara
    @salazar
    @sara
    @simona
    @francesca
    @marco
    @angelika
    @etc etc
    Scusate se mi intrometto, vi rubo solo un secondo…
    Avete qualche preferenza per la marca di thé?
    E per i pasticcini, va bene per tutti se porto quelli ripieni alla crema?
    :mrgreen:

    (scherzo, ovviamente…
    sono lusingato che abbiate “adottato” questo spazio per un po’ di sano cazzeggio-gossip…
    a proposito, ho ricambiato la tappezzeria, quella scura di prima mi metteva tristezza, e poi Francesca non riusciva a leggere…)

    Rispondi
  • 69. Sara  |  5 febbraio 2009 alle 16:20

    Nooo!! Io fino alla faccina avevo creduto che fosse vero, tipo che volessi un qualche consiglio per la tua vita reale! :mrgreen:
    Comunque twinings, per i pasticcini è indifferente, a me il te piace anche senza! :mrgreen:
    La nuova tappezzeria è meglio, anche se quel verde li di fianco… Ma io lo so che non dipende da te, maledetto wordpress.com!!!

    Rispondi
  • 70. Francesca  |  5 febbraio 2009 alle 17:52

    Ciao a tutti ragazzi e belle bimbe.

    Ognuno del proprio blog fa’ quello che gli pare ok, Fully? :mrgreen:
    Però ti ringrazio, detta fra noi, era bruttissimo!! 🙂

    @marcoilbuono
    Io ho sempre rispettato tutti, credo, in Mc e veramente mi è dispiaciuto un casino tornare e trovare gente che se le diceva e la “scomparsa” (vera o no) del CN.
    Sicuramente verso i fondatori e chi ci ha lavorato il comportamento avrebbe dovuto essere un pelo diverso, ma non voglio addentrarmi oltre perchè non voglio giudicare non sapendo realmente ciò che accaduto.
    Capisco comunque i tuoi sentimenti e mi spiace sinceramente ma la vita continua, no?
    Baci baci Frà

    Rispondi
  • 71. Marcoilbuono  |  5 febbraio 2009 alle 18:57

    Minchi* kiara come hai fatto a sgamarmi?
    dimenticavo che per chi ha una minima base di psicologia ed usa il web come campo di prova da diversi (molti) anni, io sono come un libro aperto.
    🙂

    Rispondi
  • 72. chiaradinotte  |  5 febbraio 2009 alle 21:59

    Arlecchino si confesso’ burlando 🙂

    Rispondi
  • 73. Marcoilbuono  |  5 febbraio 2009 alle 22:54

    tutto sommato per me è un complimento.
    Mi piacerebbe saper scrivere come lui.

    Rispondi
  • 74. chiaradinotte  |  6 febbraio 2009 alle 00:45

    Chi scrive bene ha la capacita’ di essere anche 10 persone diverse in contemporanea.

    Comunque, dai, non e’ proprio il massimo. Conosco gente che scrive assai meglio senza recitare una folla di parti diverse.

    Vedi Marco, per me quello che conta e’ la genuinita’, la schiettezza, la sincerita’, la coerenza. Giudico le persone sulla base di quanto riescano a far emergere la loro completa personalita’.

    Se io , cambiando avatar, fossi una volta buona, una volta cattiva, una volta riflessiva, una volta pazza, eccetera, frammentando la mia personalita’ in mille rivoli, dovrei fare mille volte login, quando in realta’ me ne basta una sola.

    Ma questo, coloro che con le persone ci giocano e non le rispettano perche’ credono che, come loro, stiano giocando, non lo comprendono.

    Buona notte.

    Rispondi
  • 75. Salazar  |  6 febbraio 2009 alle 02:02

    Propongo di rinominare questo topic

    Premiata pasticceria Fully
    Prenotazioni: Sara.
    Pubbliche relazioni: Simona.
    Reclami: Chiara.

    Rispondi
  • 76. Premiata Pasticceria Fully « Oltre la Luna  |  6 febbraio 2009 alle 06:42

    […] Febbraio 2009 Raccolgo in parte la proposta di Salazar ma, anziché rinominare il post, eccone qua uno nuovo di […]

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Commenti recenti

Dr.Huba Laszlo SZOCS su Ripensando a Violetta
fma su Complicità
Fully su Complicità
Fully su Complicità
cri su Complicità
Neottolemo su Complicità
susanna su Il candore
Fully su Il candore
Sonatella Ciacchi su Il candore
crimilda su Stupro d’Artista
gennaio: 2009
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Quanti click?

  • 29,187 : grazie!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: