C’è ancora bisogno della Sinistra?

15 gennaio 2009 at 08:09 6 commenti

Nel maggio scorso, subito dopo la vittoria di Berlusconi e la scomparsa dell’ala più estrema della Sinistra, Lucio Caracciolo sull’Espresso, dopo aver osservato che nei grandi Paesi europei la Sinistra era ancora in sella solo in Spagna con Zapatero, si chiedeva “Dov’è finita la Sinistra?”, cercando di analizzare i perché delle difficoltà di questa parte politica storicamente tanto importante.

… la ragione prima delle difficoltà delle sinistre, almeno di quelle riformiste [è che] il Novecento si è chiuso sulla loro vittoria. I diritti di base dei lavoratori, la democrazia, lo Stato sociale, le libertà civili, sono realtà più o meno affermate nell’Europa occidentale. Dopo la fine della Guerra Fredda, fra molte contraddizioni, si stanno consolidando almeno in alcuni degli ex satelliti europei di Mosca. Non è facile – anzi è impossibile – reinventare un altro set di obiettivi paragonabili a quello per cui generazioni di militanti progressisti si sono dedicate da oltre un secolo. Ha ancora senso, dunque, la sinistra? Non è una grandiosa ma ormai esausta pianta, che ha dato quanto poteva?

Mi è tornato in mente questo vecchio articolo mentre seguivo ieri sera “Ottoemezzo” (La7) in cui Lilli Gruber intervistava il segretario di PRC, Paolo Ferrero, e quello di Sinistra Democratica, Fabio Mussi. Due pezzi (anzi i due pezzetti più grossi) della miriadi di partitini dell’unovirgolaqualcosa in cui si è frantumata la Sinistra estrema prima e dopo il voto della scorsa primavera. Ora, a quanto pare, Rifondazione è alla vigilia di una nuova scissione, relativa alla corrente minoritaria che fa capo a Nichi Vendola.

In questi gioni, a Sinistra, si è parlato molto del nulla (penso che il fondo si sia toccato col “complesso dibattito interno a Rifondazione sul significato della caduta del Muro di Berlino”). Seguendo le vicende di Sansonetti e di Liberazione mi sono trovato a riflettere che quello che non c’è è un progetto politico chiaro, comprensibile ai cittadini e svincolato da vecchie sovrastrutture ideologiche. La Sinistra estrema non sembra saper più dire “qualcosa di sinistra” che sia anche “pratico”, raggiungibile in concreto.

Eppure è proprio quello che dovrebbe provare a fare, specie in periodi di crisi come questo, dove l’intervento statale nell’economia sembra essere ridiventato “possibile”, perché riconosciuto necessario anche da coloro che una volta sventolavano fieri la bandiera del liberismo (Tremonti, per esempio). Un momento storico che poteva costituire la premessa per un’insperata rivincita di quella parte della Sinistra che propugna le ragioni del sociale contro l’individualismo imperante. E lo spazio c’e: è quello lasciato libero dal balbettio di Veltroni e dalla vacuita di Di Pietro sui temi sociali.

Ma questa Sinistra non sembra in grado di cogliere l’attimo, imbrigliata com’è fra sottili distinguo personalistici.

Concludeva Caracciolo mesi fa:

la destra si riscopre ‘sociale’, rubando alla sinistra metodi, obiettivi e infine elettori.

Parole attuali le sue: ormai anche la Destra si è impossessata di questi temi un tempo appannaggio quasi esclusivo della Sinistra.
E così facendo – aggiungo io – ha reso sempre più evidente l’inutilità del chiacchiericcio vuoto dei piccoli lider maximi nostrani.

Annunci

Entry filed under: Politica e politicanti. Tags: , .

Le nuvole Statali: in gabbia!

6 commenti Add your own

  • 1. sarettamn  |  15 gennaio 2009 alle 12:27

    Fully scusa l’OT! aiuto! Come si fa a mettere un tema che non è tra quelli proposti da wordpress? Perchè a me dice che non si può fare e invece tu qui l’hai fatto? A me fanno schifo quelli di wordpress…

    Rispondi
  • 2. Fully  |  15 gennaio 2009 alle 13:03

    Ahahah… io non lo so! :mrgreen:

    ma questo E’ un tema proposto da wordpress, esattamente il primo delle varie opzioni (Albeo si chiama)
    ciao

    Rispondi
  • 3. Sara  |  16 gennaio 2009 alle 00:09

    Fully grazie comunque! Infatti non si può, mi sono rassegnata!
    Beh, ho un nuovo blog! Ti ho già messo nei link!!! E’ http://spettegolando.wordpress.com/ ! Scusa se lo metto qui ma non ho la tua mail… 😳

    Rispondi
  • 4. simona_rm  |  16 gennaio 2009 alle 16:44

    Qualche settimana fa cercavo il tuo blog (perchè ero in astinenza Cary Grant), ma mi sono accorta che era non c’era più.

    Sono felicissima di ritrovarti… e ti sei vestito a nuovo anche! Bello, stai molto bene. Si vede che era proprio tempo di cambiamenti.

    Venendo alla sinistra, se c’è, non c’è, ha ancora ragione di…
    Condivido il consuntivo che fai all’inizio del post: il XX sec. si è chiuso con una serie di traguardi sociali raggiunti e condivisi in buona parte dell’occidente.
    La caduta del muro, ha segnato la fine della dicotomia est/ovest e l’Europa ha iniziato a deviare verdo dx. Per vari motivi e con le dovute eccezioni.

    Poi, al modello “sociale” si è sostituito quello “individuale”. Dove al bene collettivo si sostituisce quello proprio. Forse per il fatto che i bisogni primari sono stati soddisfatti, ci si concentra su se stessi. Più persone prendono a modello gente spregiudicata, vistosamente immorale, ma considerata vincente solo perchè furba. E li votano anche!
    Ora, questa dx “si scopre sociale”, la sx dovrebbe perdere l’unico motivo di esistere. Ma anche Mussolini fece opere sociali, come bonifiche e pensioni. Le fece per motivi politici precisi.
    Questa dx ha una socialità egoica! I suoi interventi hanno portata limitata. Lasciano fuori tutti i nuovi poveri, come i precari, gli immigrati (regolari ed irregolari), gli omosessuali, ecc. Purtroppo penso che ci sarà sempre un gruppo più debole, senza diritti. Già solo questo basta a giustificare il bisogno di sx.

    Il problema ora, è riconoscere “chi” è veramente di sx in questo caos di micro-partiti che continuano a scismare. E forse possiamo tornare a dare un senso e una collocazione a questo sostantivo.

    Vendola tu, come lo vedi?

    Rispondi
  • 5. simona_rm  |  16 gennaio 2009 alle 16:49

    ho fatto errorrinen alla 2a riga: essere un “era” di troppo.
    scusen
    :mrgreen:

    Rispondi
  • 6. Fully  |  17 gennaio 2009 alle 00:42

    Ciao simona, e benvenuta!

    Tu dici:
    “Purtroppo penso che ci sarà sempre un gruppo più debole, senza diritti. Già solo questo basta a giustificare il bisogno di sx”

    Giusto: ma non spiega il drammatico calo dei consensi.

    Quanto a Vendola, secondo me ha acquisito in questi anni, soprattutto grazie alla sua sensibilità politica ed al ruolo che sta svolgendo come Governatore della Puglia uno spessore maggiore di altri piccoli leader di provenienza sindacalese (penso a Giordano, ad esempio). In più possiede il dono di saper coinvolgere con le parole, e per uno che aspira a smuovere le masse non è poco.
    C’è solo un problema: se a sinistra si ha una personalità, allora tendono a tagliarti le gambe…

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Commenti recenti

Dr.Huba Laszlo SZOCS su Ripensando a Violetta
fma su Complicità
Fully su Complicità
Fully su Complicità
cri su Complicità
Neottolemo su Complicità
susanna su Il candore
Fully su Il candore
Sonatella Ciacchi su Il candore
crimilda su Stupro d’Artista
gennaio: 2009
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Quanti click?

  • 29,187 : grazie!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: